GANKA KU

Significato del nome: GAN: Roccia
KAKU: Gru
Immagina la Gru su una roccia, che si difende dai suoi nemici dalla cima di una roccia stando su un piede solo; come nella tecnica che caratterizza il Kata, su un sola gamba con la guardia Jodan Uchi Uke, Gedan Barai

Origine: Attualmente chiamato Gangaku nello Shotokan, deriva dallo Shorei dove si chiamava Chinto; Kata di antica origine e di sconosciuto creatore, insegnato dal M° Matsumura e praticato negli stili Shotokan e Shito-Ryu. Più tardi fu perfezionato dai M° Kiyatake e Itosu e l'ultima versione è quella adottata dal moderno Shotokan

Caratteristiche: L'Embusen proviene dal gruppo dei Kata con linee orizzontali e verticali.
La posizione su una sola gamba richiede molto equilibrio e concentrazione della potenza per poter contrattaccare simultaneamente Yoko Geri e Uraken Uke. La posizione veniva effettuata in origine con la pianta del piede contro l'interno del ginocchio, mentre nella versione Shotokan si effettua con il collo del piede sul cavo del ginocchio.
Presenza di numerose tecniche doppie eseguite con gli arti superiori: Kaishu Juji Uke, Sokumen Awasw Uke, Chudan Shuto Kaki Wake.

KANKU SHO

Significato del nome: KAN: Guardare
KU: Cielo
DAI: Piccolo
Significato letterale: Guardando il cielo.

Origine: Fu creato dal M° Itosu che si ispiro al modello di Kanku Dai. 
Chibana, il più avanzato allievo del M° Itosu, studiò e diffuse questo Kata.

Caratteristiche: Di alto livello.
Tecniche significative: Chudan Yoko Uchi Uke/Gedan Barai, Bo Uke, Morote Yoko Tsuki, Tobi Mikatsuki Geri.

 

BASSAI-SHO

Significato del nome: Gli ideogrammi del Passai o Bassai significano «attraversare o distruggere la fortezza», cosa che evoca la rapidità e la potenza dei movimenti di questo kata.

Origine: Fu creato dal M° ITOSU (Il Pugno Sacro di Okinawa)

Caratteristiche: Serie di difese a destra e sinistra eseguite molto rapidamente.
Parate e contrattacchi mirati alle articolazioni, contro il Bo.
Controllo del centro di gravità in Kokutsu-dachi e Zenkutsu-dachi mentre si effettuano parate a mani aperte con prese e sbilanciamento dell'avversario con successivo cambio di fronte pronti al nuovo attacco.
Lo studio di questo Kata è indicato per migliorare l'uso delle rotazioni dei fianchi.

 

NIJU SHIHO

Significato del nome: NIJU SHI: 24 (Ventiquattro)
HO: passi
Ventiquattro passi, che corrispondono al nomero di spostamenti.

Origine: Origine e creatore incerti.
Probabilmente appartiene al gruppo si Arakaki come Sochin ed altri.

 

JI IN

Significato del nome: Tempio dell'amore di Buddha.

Origine: Probabilmente è un Kata di Tomari-Te e il M° Funakoshi lo chiamò Shokyo.

Caratteristiche: Difese doppie e simultanee.
Tecniche specifiche: Chudan Morote Uchi Kaki Wake, Shuto Uchi.

 

 

CHINTE

Significato del nome: Tecniche non comuni.

Origine: Originario della Cina e praticato in Shito-Ryu e Shotakan.

Caratteristiche: Numerose tecniche con le mani aperte e un solo calcio; richiede l'uso estensivo delle spalle.
Un Kata a distanza chiusa per la difesa personale, adatto anche alle donne perchè non richiede molta forza, con tecniche dinamiche ed ampi movimenti circolari.
Teniche specifiche: Morote Shuto Uke, Nihon Nukite, Naka Daka Ippon Ken, Teisho.

 

 

WANKAN

Significato del nome:

Origine: Anche conosciuto come Shiofu e Hito appertiene a Tomari-te.
Wankan fu adottato dallo Shotokan e dallo Shito-Ryu, ma esiste una gran differenza tra le due versioni.

Caratteristiche: E' il Kata più corto dello Shotokan, ma presenta delle notevoli difficoltà tecniche.

 

SOCHIN

Significato del nome: La Grande calma.

Origine: Precedentemente classificato nel gruppo Arakaki, conosciuto solo nello Shotokan e Shito Ryu, per un certo tempo fu chiamato Hakko.

Caratteristiche: La posizione di quasi tutto il Kata è Fudo-dachi (chiamata Sochin-dachi dal nome del Kata), posizione che da l'impressione di essere radicati al suolo.
Tecniche specifiche: Jodan Uke/Gedan Barai, Nagashi Uke.

MEIKYO

Significato del nome: Specchio splendente.

Origine: Il nome fu dato dal M° Funakoshi e precedentemente era chiamato Rohai e diviso in tre: Shodan, Nidan e Sandan.

 

GOJU SHIHO DAI

Significato del nome: GOJUSHI: 54 (cinquantaquattro)
HO: passi
DAI: grande
Cinquantaquattro passi.

Origine: Prima era chiamato Useshi ed era il Kata più avanzatonello Shuri-Te del M° Itosu.
Sensei Funakoshi lo chiamò Hotaku per la sua somiglianza con un picchio con il becco acuto, che becca la corteccia di un albero.
Nella scuola del M° Kanazawa il kata inizia con lo Zenkutsu-dachi destra seguita da Chudan Kaki Wake Uke.
Il suo creatore chiamo DAI quello che includeva tre tecniche: RYU UN NO UKE, OSAE HAITO UKE e SHIHON NUKITE eseguite in sequenza.
Hotaku era il Kata preferito del M° Toyama.

Caratteristiche: Kata molto faticoso per il lavoro continuo sulla gamba sinistra.
Posizione specifica: Neko Ashi-dachi.
Tecniche specifiche: Keito Uke Ippon Nukite, Washide.

 

GOJU SHIHO SHO

Significato del nome: GOJUSHI: 54 (cinquantaquattro)
HO: passi
SHO: piccolo
Cinquantaquattro passi.

Caratteristiche: Tecniche specifiche: Ippon nukite, Jodan Uke Nagashi, Shihon Nukite, Tekubi Kaeshi, Seiryuto..

UNSU

 

Significato del nome: Mani nella nuvola.
Il nome deriva dal movimento che compare due volte nel Kata che serve per allontanare le mani dell'avversario dopo aver parato. Il movimento delle mani che si uniscono è simile alle nuvole che si scontrano nella tempesta e che provocano il tuono.

Origine: Si tratta di un Kata molto antico, di origine incerta, forse appartiene alla Niigaki-Ryu

Caratteristiche: La caratteristica del Kata e che ogni fase si presenta a se stante.
Tecniche specifiche: Morote Keito Uke/Ippon Nukite, Haito Uke, Tobi Mika Tsuki Geri.

 

Il nostro sito utilizza cookie per capire come navighi il sito e fornirti un servizio ancora più personalizzato. Se acconsenti all'utilizzo dei cookie, procedi con la navigazione. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information